Finmeccanica, un passato in India, una certezza in SudAfrica, un’ipotesi in Messico

 

Oriente, centro ed occidente: dopo i problemi con l’India, riguardanti elicotteri di lusso AW101 e le trattative più o meno ‘moralmente lecite’ che da un anno penalizzano Finmeccanica sul mercato, il colosso italiano industriale ha recentemente firmato, tramite la joint venture in ATR, accordi per la fornitura di tre Velivoli ATR72-600 con una delle maggiori compagnie di bandiera nord Africane (quella algerina).
Insomma: un accordo a est appartenente al passato da dimenticare, un presente affare in zona continentale dalle buone promesse ed un futuro che, dalle ultime indiscrezioni, sembra orientarsi verso ovest, alla volta del Messico.
La necessità di un controllo territoriale delle frontiere, avrebbe infatti spinto il Paese Sudamericano a prendere iniziali contatti con Finmeccanica, per la protezione di infrastrutture da porre sotto osservazione e la realizzazione di progetti volti al contrasto del narcotraffico; oltre a ciò, il piano messicano includerebbe anche l’implementazione dell’attuale flotta aerea nazionale e un programma di addestramento e simulazione al volo.

Il progetto Messicano

Quale sia la motivazione che abbia spinto il Messico a progettare un piano di rafforzamento così importante, non è ancora chiaro. Più chiara invece risulta essere la partecipazione che Finmeccanica avrebbe nell’affare: con l’operazione sudamericana, verrebbero coinvolte tre aziende interne al gruppo industriale: Alenia Aermacchi, Selex Es ed AugustaWestland, la stessa coinvolta nelle questioni indiane.
Con la prima di queste, dopo l’accordo di fornitura già siglato nel 2011 per la fornitura di quattro velivoli da trasporto tattico C-27J, lo stato del Messico avrebbe ipotizzato un’ulteriore commessa per l’acquisto di nuovi mezzi che vadano ad implementare la Fuerza aerea e di polizia locale. A Selex Es sarebbe invece stato richiesto un progetto per la soluzione delle problematiche legate a traffici illeciti marittimi, immigrazione clandestina e protezione ambientale (sia dell’ambiente marino sia delle risorse energetiche sparse sul territorio). Ultima delle tre è AugustaWestland che, quasi a ripicca dell’antipatia indiana, avrebbe preso contatti con la Defensa Nactional per la fornitura di elicotteri AW ad uso civile (analoghi a quegli undici commissionati nel febbraio 2010 da Nuova Delhi per il trasporto di cariche autorevoli).

Oriente, centro ed occidente. Passato, presente e…probabile futuro.

Enhanced by Zemanta

Similar Posts:

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply